martedì 28 novembre 2017

Punto e a capo.


Disclaimer: nel post seguente utilizzerò il blog per riflessioni personali, che probabilmente a eventuali lettori risulteranno prive di interesse. Nonostante sia il diario introspettivo una delle ragioni di esistere dello strumento blog, non è un approccio che abbiamo qui mai adottato, nè io nè Giusi. Questa eccezione è motivata dalla voglia di fermare nel tempo, più per me stesso che per gli altri, questo preciso momento. Sotto questo punto di vista l'annuncio in rete, teoricamente visibile da chiunque, nello spazio e nel tempo, incluso il futuro me, è il mezzo perfetto. Quella che segue è una piccola introspezione, onesta, sincera, senza veli né imbarazzi. Facile che risulti noiosa o insulsa.


Estate 2017. Proprio quando le cose della vita sembravano avviate verso un felice e per nulla monotono ripetersi, pieno di quotidianità, di lavoro, e di periodici e programmati stimoli in ambito intellettuale e sociale, proprio quando tutto cominciava ad avere un senso, di colpo la botta, lo scossone, il deragliamento. Tutto insieme, a inizio estate 2017.

Quando da ragazzino mi divertivo a coniare "aforismi", saltai fuori in un'occasione con: "Per lunghi momenti non succede nulla, e poi tutto succede nello stesso momento". A parte la grammatica un pochino sacrificata alla musicalità della frase, è azzeccato, ora più che mai.
A inizio estate 2017 è cominciato a piovermi addosso di tutto, da qualunque parte. Quasi tutto quello su cui mi appoggiavo ha iniziato a tremare, a spostarsi, a rivelarmi una parte fino ad allora nascosta che presupponeva un cambio di relazioni, un reset e restart. Un punto e a capo.

Non è mia intenzione riportare la cronaca dettagliata di tutti gli avvenimenti, la mia catarsi l'ho già compiuta (beh, la sto compiendo) e abuserei (qui sì) dello strumento e della pazienza del lettore (incluso il futuro me stesso).

Fatto sta che sono ripartito (beh, sto ripartendo). Non è semplice, per nulla, sono sempre stato abituato a decidere tra opzioni ragionevolmente sensate, tant'é che nelle poche occasioni in cui la decisione era imposta e contrastante i miei desideri ho seriamente sbroccato. Ma eccomi qua. A formare una nuova persona, totalmente diversa. Cercando di incanalarvi dentro, nella sua costituzione, qualcosa di quello che credo di poter fare, che mi diverte fare.

Il mio quasi-nuovo quasi-me ha un altro lavoro, che assomiglia a quello di prima, ma che non lo è nei suoi aspetti fondamentali. A inizio estate 2017 le saracinesche del posto di lavoro si sono abbassate di colpo, senza preavviso, lasciandomi chiuso fuori, con l'unica opzione di emigrare ancora, cambiando la vita mia e dei miei familiari che proprio ora si era assestata, o rimanere potenzialmente disoccupato, con oltre la bimba di tre anni, un nuovo bimbo, appena arrivato, piccolo piccolo.
Il bimbo, sì. A inizio estate 2017 è nato Luca. Fantastico. Con una grinta da boxeur e una gioia francescana innate. Quando ti nasce un figlio, il cervello ti si riorganizza, crea nuovi percorsi, e per un po' si destabilizza. Figuriamoci se hai appena perso il lavoro.
A inizio estate 2017 ho passato un mese con Annika, la primogenita, spesso da soli, noi due. Un mese faticosissimo, estremamente impegnativo, ma fantastico (specie se visto col senno di poi). La bimba è un fenomeno, un fiume in piena, esige stimoli continui e profondi, si abbevera senza limiti. Per uno come me, patologicamente curioso e interessato, è un invito a nozze. Giornate intere (letteralmente) e consecutive ad analizzare, capire, esaminare. Estenuante.
A inizio estate 2017, a circa sette anni dal suo inizio, si è conclusa la mia avventura nel mondo del teatro. Dopo uno spettacolo faticoso (e che ha messo alla prova la pazienza di chi mi stava intorno, dentro e fuori scena) ma estremamente appagante, mi sono ritrovato inaspettatamente fuori dai giochi. Ora, non posso dire che il teatro fosse la mia vita, purtroppo. Ma quel "purtroppo" dice tutto. Sin da bambino, timido e impacciato, ho sempre sognato di recitare, vivere altre vite, di imparare ad emozionare e facendolo emozionarmi. È una cosa che non si può improvvisare, e va fatta per bene. Cominciare a farlo mi procurava immensa gioia, e non nascondo che il teatro era ben di più che una maniera per staccare. Una bella botta. Figuriamoci se hai appena perso il lavoro e ti è appena nato un figlio.

Beh, il succo si è capito, come detto non riporterò tutto qui. A inizio estate 2017 è successo altro ancora, in genere delusioni, qualcuna, bruciante, riguardante amici, ma la situazione complessiva ce la si può immaginare.
Insomma, per uno cronicamente incapace di decidere e perennemente afflitto dal ripensamento e dal dubbio non è per nulla semplice. Soprattutto se hai 48 anni e da venti sei sotto cure mediche per depressione cronica.
È una variabile importante l'età. Sono sempre stato ossessionato dal trascorrere del tempo, e a quest'età l'ossessione non è nemmeno più un' ossessione, quanto un punto fermo con il quale fare i conti.

Che ho fatto allora? Beh, innanzitutto quello che mi riesce meglio, procurarmene altro, di tempo, E ce l'ho fatta, egregiamente direi. Sono riuscito a conquistarmi 8 mesi prima di decidere se impacchettare tutto, una volta ancora, ed emigrare. Tre sono però già passati senza che nulla sia stato ancora deciso, ma erano necessari per fermarmi, mettere i piedi a terra, fare il punto della situazione e organizzarmi praticamente nelle cose di vita quotidiana. E non è stato per niente semplice e riposante. Anzi.
Ora devo andare avanti, però, ora è il momento di cambiare marcia.

Ho un nuovo ufficio, che è il bar alla mattina e la biblioteca di quartiere il pomeriggio, dove lavoro su un piccolo portatile, viaggio una settimana al mese per l'europa, di giacca  e cravatta vestito. Chi l'avrebbe mai detto?
Scrivo. Poco e con fatica, ma scrivo.
L'idea iniziale era di continuare da solo con il teatro, o perlomeno di trovarne un surrogato. I progetti, credo anche abbastanza interessanti, che avevo ideato sono per il momento chiusi nel cassetto. Come detto, è una cosa che va fatta bene, e per vari motivi non sono in grado di farlo, non da solo. Per il futuro vedremo, anche se la decisione è più o meno presa; per ora mi dedico alla scrittura, un mio altro grande amore trascurato e dalle caratteristiche per molti versi opposte.
Ho avuto l'opportunità di congedarmi dal teatro con un ultima piccola cosa, e questo è stato molto importante, anche se un po' triste. Perlomeno sapere che quella è, anche se forse non per sempre e solo in potenza, chissà, l'ultima volta in cui si abbassa il diaframma, si riempiono i polmoni e si entra in scena, ha tolto un bel po' dell'amarezza che avevo in corpo. È stato un congedo conscio, in maniera da eleborare il mio piccolo lutto.
Ora andiamo avanti.
Ho completato e sistemato due racconti, ne sto finendo un terzo, e buttato giù le trame di altri. Onde non invadere questo spazio, se ci riesco partirò con un'idea che ho in mente da tempo, un altro blog dedicato alle storie, vere, che reputo interessanti raccontare (il titolo mi è stato rubato da una serie TV, mannaggia, ne devo trovare un altro).

Insomma, i pezzi, lentamente e faticosamente stanno iniziando a sistemarsi. A fine estate il filo della spada di Damocle si è notevolmente irrobustito, gli esami hanno dato esito negativo, e dopo cinque anni sono da considerarsi clinicamente guarito. Questo ti aiuta a rimettere le cose nella giusta prospettiva. Voglio dire, se sei sopravvissuto al cancro, puoi sopravvivere anche ad altro no? E se si dovesse cambiare paese, si cambierà, amen. Se si dovesse fare tutt'altro lo si farà, bòna lè. Se si dovesse ricominciare daccapo, si ricomincerà.
Punto e a capo.



sabato 1 luglio 2017

Un mese!


Esattamente un mese fa è nato il nostro bebis, Luca.

Ventiquattro ore dopo, in una stanza d'albergo inondata di luce, ci svegliavamo così: lei tutta spettinata, con lo sguardo ammirato traboccante di tenerezza. Lui una tartarughina con il broncio, le gambe lunghe lunghe e la pelle screpolata.

Esattamente un mese fa è nato un grande amore: quello di una sorella premurosa per il tanto atteso fratellino, compreso in quello di due increduli genitori per le due sorprendenti creature che mai avrebbero osato immaginarsi accanto.

Buon primo mese, amatissimo bebis!


mercoledì 3 maggio 2017

Ah, dimenticavo...

...avevo lasciato una cosa volutamente in sospeso quando ho dato quest'annuncio qui.
Era mia intenzione fare partire un sondaggio per determinare il sesso del nascituro, come fatto con successo per Annika.
Tuttavia il poco tempo a disposizione, ma soprattutto il fatto che il blog lo stiamo usando sempre meno, ha fatto sì che io non ci sia riuscito. Ora, anche se sono sicuro che il nascituro non me ne vorrà (perlomeno per i prossimi 14-15 anni), sento una forte responsabilità nei confronti dei numerosi e sfegatati fan (diciamo pure seguaci) del blog, che stanno probabilmente lacerandosi le vesti dallo strazio e dalla disperazione.


Vorrei porre rimedio a questo increscioso incidente.
Ebbene, a netto di pelliccia e tavolozza, la creatura sarà di questo tipo qui.



Ergo un maschietto.
Per il nome siamo ancora moooolto indecisi, non ce ne è uno (che sia italiano o svedese) che piaccia ad almeno uno dei genitori e che non sia stato appena assegnato a qualche bimbo di familiari o cari amici.
Abbiamo chiesto aiuto ad Annika, che, dapprima riluttante, dietro nostra insistenza ha risposto alla domanda "Come lo vuoi chiamare il bebis?" (bebis in svedese significa bebé) con un deciso:

1) Bebisitter. E su questo nome è rimasta arroccata per un mesetto circa.

2) Gino. Questa seconda opzione è stata strenuamente difesa per un'intera giornata.

3) Topizio. Al che abbiamo smesso di insistere, vedendo che si stava percorrendo una direzione pericolosa e che ci stavamo rimettendo noi.

Qualcosa salterà fuori, per il nuovo fagiolino... Ecco, Fagiolino!!!
Giusiii, l'ho trovato...!






mercoledì 5 aprile 2017

I saluti mattutini di mia figlia



Facendo spesso tardi al lavoro e tornando a casa a sera inoltrata, capita che il giorno successivo me la prenda un po' comoda.
In quei giorni Giusi e Annika escono di casa per andare all'asilo prima di me. Qualche tempo fa, Annika ha preso l'abitudine di rivolgermi frasi di saluto particolari, diciamo "non convenzionali".
Il copione è pressoché identico ogni volta. Giusi apre la porta, Annika tutta infagottata nei vestiti antipioggia mi dice un primo "Ciao!" con manina in movimento e si avvia verso l'uscita. Con un piede aldilà della soglia la piùcheduenne immancabilmente si ferma, si gira su sé stessa e, tutta seria, dice cose del tipo:

-ci vediamo su youtube.
-ci vediamo lunedì (detta il martedì).
-ci vediamo alla prossima.
-ci vediamo sull' acusu (autobus).
-ci vediamo l'anno prossimo (questa l'ha detta anche alla maestra dell'asilo prima di tornare a casa).
-ci vediamo a Capri (O_o ? Da dove è arrivata questa ancora non me lo spiego)
-ci vediamo a feisbuc.

Poi si rigira e se ne va, lasciandomi questa sentenza finale come ultima memoria mattutina da portarmi al lavoro.

Queste sono solo alcune delle frasi pronunciate sino ad oggi... altre purtroppo me le sono dimenticate.
Fuori elenco ma degna comunque di menzione c'è "Ci vediamo su Skype" che è la maniera di Annika di chiudere le proprie telefonate immaginarie con pupazzi e affini da quasi un anno.
Quello che mi fa morir dal ridere è che ogni volta cambi, e si sforzi di trovare qualcosa di nuovo. Da notare la presenza di più saluti legati al mondo di internet e della comunicazione del terzo millennio.
Comprensibile, certo, ma in ogni caso tocco ferro: al momento non mi vengono in mente motivi validi e accettabili che mi possano portare a finire dall'ufficio a un video virale su Youtube.
No, per quanto ci pensi non me ne vengono.









LinkWithin

Related Posts with Thumbnails